Il cloaker

Le possibilità sono due: o quel giorno l’ufficio Nomi dei Mostri della TSR era chiuso per sciopero oppure i cervelloni del reparto Design Mostri erano un pelino nervosetti perchè obbligati a lavorare di…che so…Natale o Ferragosto.

Perchè se fra gli innumerevoli Dei e Immortali di tutte le ambientazioni di D&D esiste quello dell’Anagrafe, un giorno dovrà dare spiegazioni a questa creatura.

Il cloaker è un altro dei mostri classici di AD&D e di recente il suo nome è stato per fortuna tradotto in Manto Assassino.
Che c’entra la fortuna? C’è realmente bisogno di spiegarlo?

cloaker_prevD’accordo, mettiamo due cosine in chiaro. In passato ho parlato del gargoyle e delle sue peculiarità (come delle disgrazie che lo affliggono): mentre il gargoyle passa la maggior parte del tempo tendendo agguati agli avventurieri fingendosi una statua, il cloaker non è da meno in quanto facilmente confondibile con un mantello.
Il gargoyle, tuttavia, può decidere in che posa farsi trovare: accovacciato, a testa in giù, supino, che fa le linguacce, etc.
Il cloaker? O subisce gli abusi della gravità rimanendo appeso ad un gancio o uno spuntone oppure steso per terra. Al massimo può assumere la forma conica del classico tovagliolo da ristorante (quelli che trovate quando apparecchiano in modo elegante il vostro tavolo), ma sicuramente sarebbe piuttosto lesivo per la sua dignità.
Io capisco che abbiano una mente aliena e una malignità difficile da concepire, come i manuali insegnano, ma un mantello che strilla, mozzica, ti si attorciglia mò di pitone ed elabora piani malvagissssssimi dopo un pò non si fa prendere più tanto facilmente sul serio.

Tralasciamo l’aspetto riproduttivo perchè è ora di cena e non me la voglio rovinare, ma soffermiamoci solo un istante su quello nutritivo.
Un mantello col bozzo. Come un pitone che digerisce la preda, ma piatto.
Come se una sogliola mangiasse un cubo di Rubik.
E ho detto tutto.

E giungiamo infine al motivo del mio “per fortuna” di inizio articolo.
Fino a quando i vari compendi e manuali di mostri di AD&D non furono tradotti in italiano, molte coltellate vennero inflitte alla lingua inglese nel momento in cui i nomi di alcune delle creature erano pronunciati.
Il nostro amico cloaker non è da meno, perchè nella migliore delle ipotesi si finiva con il confonderlo con un wafer (Cloàker che bontà!), mentre nella peggiore evocava termini fognari latini.
Una volta ho anche sentito un giocatore chiamarlo “Clòccher”.
Ma che roba è?!? Un orologio della Swatch?!?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *