A.R.S.

arsettoNon lasciatevi ingannare dal primo impatto: A.R.S. è un piccolo sistema universale con una struttura leggera e adatto in principal modo a nuovi giocatori e narratori: è infatti curata in modo approfondito la parte relativa all’interpretazione e soprattutto al ruolo del Magister (il narratore), il che mi ha sorpreso piacevolmente perchè, come in rari casi, viene data una più forte attenzione al ruolo di chi crea e gestisce le avventure.

Tornando alle regole, ho trovato il tutto alquanto semplice e abbastanza flessibile, con non molte modifiche è possibile adattarlo a qualsiasi scenario ed il tutto è compresso in meno di una ventina di pagine totali.

Ma tenete a mente la parola compresso, dopo capirete il perchè.

Sul sito di A.R.S., inoltre, sono presenti anche una sezione per gestire le sessioni senza dadi ma con l’utilizzo di meccaniche come morra cinese, lancio di moneta o carte da gioco, una per adattare il sistema a contesti di gioco di ruolo dal vivo e due ambientazioni di base.

E se non dovesse bastarvi aggiungo altro: A.R.S. ha un forte “supporto” grazie all’idea del BaK, il suo creatore, con il progetto Workaround in cui tutti gli appassionati hanno modo di confrontare le loro idee su ulteriori sviluppi e modifiche del sistema.
Una struttura, la House of BaK, è stata creata a Reggio Calabria per agevolare l’introduzione dei nuovi giocatori e offrire una sede dove tutti possono incontrarsi e divertirsi in compagnia (qui il link dell’intervista in cui si discute del progetto).
E infine l’idea di trasformare questa esperienza in materiale di lavoro per una casa editrice autonoma!

C’è molto di cui complimentarsi con tutti i collaboratori a queste iniziative, perchè non solo dimostrano il forte interesse per il gioco di ruolo ma anche e soprattutto per i loro sforzi nel volerlo promuovere e renderlo accessibile a tutti.

Note negative?
Non me la sento di esprimerne per un semplice motivo, immagino che presto sarà online una nuova e più curata versione ricca dei suggerimenti del Workaround.
Tuttavia mi permetto di dare un minuscolo suggerimento, anche se spero che la correzione sia già in corso: il sistema è alquanto leggero ma la sua presentazione nei file pdf (scaricabili dal sito) è piuttosto compressa: poche pagine in cui sono descritti numerosi argomenti sono ottime per la stampa, ma la lettura è resa difficoltosa dai piccoli caratteri utilizzati e danno al “visitatore” occasionale l’impressione che il sistema sia pesante e che dovrà sorbirsi decine e decine di pagine (quando in realtà non è assolutamente così).
Quindi forse sarebbe meglio una forma d’impaginazione diversa, aumentare il numero di pagine e distribuire meglio il carico di informazioni rende più piacevole la lettura.

Per il resto lascio a voi i commenti: ho trovato positiva l’iniziativa in generale e quanto prima riuscirò anche a testare a pieno il sistema che tutti possono scaricare sul sito Web di A.R.S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *